BLOG E ARTICOLI

perché discuterne è domenicano

Cerca
  • Domini Canes

Amici e Maestri

Riflettendo su quale sia la cosa migliore del mondo Cicerone scrisse che l'amicizia è «la cosa più bella del mondo», è «ciò che rende la vita degna di essere vissuta». Gesù dice: « Vi ho chiamati amici » (Gv 15,15). Si può dire che l'amicizia con Dio in Gesù Cristo è ciò che più caratterizza il cristianesimo. Come dice Papa Francesco: «Per quanto tu possa vivere e fare esperienze, non arriverai al fondo della giovinezza, non conoscerai la vera pienezza dell’essere giovane, se non incontri ogni giorno il grande Amico, se non vivi in amicizia con Gesù » (Christus Vivit, 150).



Man mano che diventiamo adulti, l'amicizia porta un peso in più: i nostri amici ci ricordano chi siamo veramente (un amico dice la verità al suo amico), e quella voce della verità ci invita ad andare avanti.


Cicerone sapeva che la vera amicizia è un dono prezioso. Chiedi a Dio quel dono. Hai mai avuto un(a) caro(a) amico(a)? Parli a Gesù come amico? È proprio questa la caratteristica che deve svilupparsi e crescere se vogliamo avanzare nella vita spirituale. Perché? Perché i nostri amici ci ricordano chi siamo veramente. L'amicizia con il Signore sgorga come grazia nella nostra vita, come gioia, con la vivacità dello Spirito Santo. È il momento "divino" più radioso, naturale e commovente della nostra vita come cristiani: conoscere Dio come Amico e ascoltare la sua voce.


Abbiamo bisogno di maestri. Abbiamo bisogno di amici.


Come infatti scrisse una volta san Girolamo: «Non essere padrone di te stesso e non metterti su una via per te del tutto nuova senza un maestro, altrimenti ti smarrirai presto». Dio ci chiama a fare di più, e questa è la voce dell'amicizia, che ci viene fornita da un maestro. Questa guida spirituale si trova nei sacerdoti che mostrano cosa significa essere un buon padre e fratello. Direi che si trova prima ancora nel sacramento della Riconciliazione, dove puoi parlare al Signore in modo intimo e onesto; e dove puoi ascoltare la verità. Gesù parla come un amico.


Così i direttori spirituali forniscono tale guida nell'amicizia, principalmente come mediatori e maestri che ci aiutano a sviluppare la nostra amicizia anzitutto con Gesù. L'amicizia ci ricorda che abbiamo bisogno di un altro. Parli con Gesù come a un amico? «Seguimi» dice Gesù (Mt 4,19). Cerca la guida di qualcuno che possa volere il tuo bene nella persona di un direttore spirituale e di un sacerdote nel Sacramento della Riconciliazione. Dio chiama ognuno di noi per nome. Ti sta chiamando... amico.


fr. Cassian Derbes, O.P.

Professore di Teologia Spirituale, Angelicum


281 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti